The British Institute of Rome

Cos’è il Black Friday: origini e significato

Cos’è il Black Friday: origini e significato

Nato negli Stati Uniti, il Black Friday cade ogni anno a fine novembre, il venerdì successivo al Giorno del Ringraziamento. Tra tradizione, mito e speculazione commerciale, scopriamo insieme cos’è il Black Friday e il significato che ricopre nella cultura americana.

Le origini del Black Friday

Il Black Friday, ormai è risaputo, è il “giorno dello shopping” per eccellenza: non è raro vedere anche in Italia colonne di persone in fila fuori dalle più importanti catene di negozi, disperando per mettere le mani su uno smartphone super-scontato o su un capo d’abbigliamento firmato eccezionalmente sottocosto. Ma cosa spinge gruppi di persone adulte ad accamparsi la notte di fronte alle vetrine del proprio negozio preferito in attesa che si alzi la saracinesca?

Il Black Friday segna tradizionalmente l’inizio della stagione dello shopping natalizio, occasione colta dalle grandi catene commerciali per proporre eccezionali promozioni e offerte per i propri clienti. Le origini del “venerdì nero” si fanno risalire a oltre 100 anni fa, più precisamente nel 1924, quando la catena di distribuzione Macy’s, all’indomani del Thanksgiving Day, organizzò una vera e propria parata per celebrare l’inizio dello shopping natalizio. Evento particolare, trattandosi il venerdì di un giorno lavorativo: tuttavia riscosse una certa fortuna.

Bisognerà tuttavia attendere gli anni ’80, con una piena diffusione della mentalità consumistica nordamericana, per vedere il Black Friday imporsi come evento centrale e indiscutibile della pianificazione strategica di aziende e catene commerciali.

Perchè si chiama BLACK Friday

Ma perchè deve essere proprio “nero” questo venerdì? Sono due le scuole di pensiero in proposito. C’è chi vi vuole ad esempio riconoscere un riferimento alle annotazioni sui libri contabili dei commercianti. In occasione delle offerte del Black Friday i conti delle aziende “magicamente” passavano dal colore rosso (associato alle perdite e ai debiti) al colore nero tipico delle entrate e del guadagno. Da quel giorno infatti comincerebbe il periodo dell’anno più proficuo per le aziende commerciali, capace di riportare in alto fatturato.

Un altra diceria porta invece a Philadelphia l’origine del nome, dotandolo di una caratterizzazione non esattamente positiva: il “nero” sarebbe infatti il simbolo del traffico generato dalle “orde” di consumatori in fila per gli acquisti, capace di intasare e bloccare la città a detta degli agenti della polizia stradale. Secondo questa ricostruzione si inizio a parlare di “Black Friday” solamente da quel nero giorno di traffico del 1961.

Il significato del Black Friday

Avrete quindi capito che di “festivo” il Black Friday ha ben poco, non facendo riferimento a ricorrenze particolari ed avendo origini essenzialmente commerciali. Nondimeno il “venerdì nero” della distribuzione americana ricopre un ruolo molto importante per le statistiche relative al benessere del popolo americano, trattandosi di un’indicatore importante della propensione al consumo dei cittadini statunitensi. Numerosi analisti finanziari prendono il Black Friday come riferimento per stilare le loro previsioni sull’andamento del mercato durante la stagione natalizia e i primi mesi dell’anno.

Il Black Friday oggi: globalizzazione e e-commerce

Il Black Friday è oggi un fenomeno globale. Secondo una statistica del 2013 negli Stati Uniti il solo shopping del “venerdì nero” ha prodotto una spesa interna di 57,4 miliardi di dollari, coinvolgendo in un solo giorno oltre 80 milioni di persone. Negli ultimi anni hanno “adottato” la tradizione americana numerosi altri paesi, tra i quali contiamo Brasile, Germania, Regno Unito, Francia e Spagna.

Particolare fortuna, il Black Friday ha vissuto soprattutto nel settore dello shopping online. In Italia il fenomeno ha una diffusione quasi solamente online (e comunque molto inferiore ad altri mercati nazionali): le statistiche degli ultimi anni e la crescente attenzione dei media ha però portato un interesse sempre maggiore da parte delle grandi catene. Quelli che più spendono in questa occasione sono oggi i Millenials, clienti tra i 25 e i 34 anni.

Il Black Friday è oggi associato direttamente con un’altra ricorrenza tipicamente commerciale, il Cyber Monday. Destinato, come evidente, allo shopping di prodotti digitali, il Cyber Monday cade il lunedì successivo al “venerdì nero” ed è caratterizzato da un incrementare delle offerte e delle occasioni di sconto per questa particolare tipologia di prodotto.

 

Testa subito online il tuo livello di inglese o contattaci per scoprire tutti i nostri corsi.

Tutti i contenuti di questo sito sono proprietà di The British Institute of Rome © 2019. Sito web by dm3.it